LASCIARSI: PERCHE’ FA COSI’ MALE? Uno studio ci spiega che il dolore è anche fisico

Un cuore che si spezza, fa lo stesso rumore di un osso che si frattura.

 

Sei stata lasciata?
Consolati, ognuno di noi ha sperimentato quanto fa male lasciarsi.
Che sia stato essere lasciati dal proprio partner o un qualsiasi tipo di rifiuto, ognuno di noi c’è passato.
Da quel compleanno quando eri piccola, a cui non sei stata invitata, a quella persona che un giorno ha detto di vederti solo come un’amica.
Noi tutti sappiamo quanto devastante può essere un rifiuto.

Nonostante che tendiamo a pensare al dolore di un cuore spezzato, come ad un dolore metaforico invece che fisico, in realtà una ricerca pubblicata dall’Accademia Nazionale delle Scienze ci mostra che il dolore che proviamo può essere equiparato ad un vero e proprio dolore fisico.
Gli studiosi mostrarono ai partecipanti di questa ricerca, una foto dei loro ex ( dopo una rottura non programmata o desiderata) e la ricerca evidenziò come si fossero attivate le stesse regioni del cervello che rispondono al dolore fisico.

Quindi il nostro corpo e la nostra mente elaborano un rifiuto ed un dolore emotivo allo stesso modo del dolore provocato da un braccio rotto o una caviglia distorta.
Io personalmente, ho sofferto così tanto dopo essermi lasciata, che mi ritrovavo a pensare che avrei preferito rompermi una gamba piuttosto che attraversare un periodo così mostruosamente doloroso a livello emotivo.

Che poi, non so voi, ma a me ha sempre coinvolto il mio corpo.
Per esempio il vuoto allo stomaco che non mi permetteva di mangiare, o quel mal di testa o mal di vivere che mi faceva venire i brividi e mi faceva passare la voglia di fare qualsiasi cosa.
E’ proprio accorgendomi di quanto stavo male, e di quanto questo periodo fosse sottovalutato che ho deciso di cominciare questo blog e creare un metodo per soffrire meno e ritornare a felice.
Per quanto siamo forti, abbiamo bisogno di qualcuno vicino che ci sostenga, che ci incoraggi, che ci aiuti ad uscire da questa misera palude, in cui ci sembra di affondare.
E solo chi ci è passati può capire quanto sia dura, e di come serva aiuto, e di come si possa parlare di una vera e propria “guarigione”.

Lasciarsi è un percorso cha passa da 2 a 1, e dobbiamo essere pronte per questo percorso, ritrovare noi stesse, prenderci cura della nostra mente e del nostro corpo.

Dopo anni di studi ed interviste, dopo aver ascoltato centinaia di storie, ho ideato la guida “Come dimenticare il tuo ex in 7 giorni“, in cui affronto la tematica del lasciarsi e  suggerisco come riprendersi la propria vita e i propri sorrisi in 7 semplici passi da effettuare giorno dopo giorno.

Non esitate a scrivermi tutte le vostre domande e le vostre storie.

Voi che reazioni fisiche avete alla fine di una relazione?

 

Un abbraccio,

M.

Nessun commento ancora

lascia un commento

Lindirizzo email non verrà pubblicato.